Questa esperienza di viaggio a Tallinn – la capitale dell’Estonia – mi sta molto a cuore per diversi motivi.

Innanzitutto perché Tallinn è una città che davvero merita una grande attenzione da un punto di vista storico, architettonico e culturale, e invece non è conosciuta da molti; in secondo luogo, perché la nostra visita non era stata affatto preventivata, rivelandosi quindi una grandissima sorpresa.

Siamo a fine agosto 2013 e mi trovo con la mia amica colombiana Mabel ad Helsinki. Durante il nostro soggiorno nella capitale finlandese, alcuni ragazzi del luogo ci consigliano di farci due ore e mezza di nave per andare a visitare Tallinn, in Estonia. Noi seguiamo alla lettera il loro consiglio e decidiamo anche di restarci a dormire una notte, quindi la nostra visita è durata due giorni pieni, e posso dirvi che sono sufficienti, ma intensi!

Cosa vedere in un breve viaggio a Tallinn

Tallinna raekoda - Il Municipio di Tallinn

Tallinna raekoda – Il Municipio di Tallinn

Iniziamo col dire che sin dall’ingresso in città si respira medioevo! Eh si, Tallinn ha un meraviglioso borgo che vi incanterà dal primo istante, totalmente visitabile a piedi e da vedere con attenzione assolutamente!

Non appena sbarchiamo, partiamo con l’esplorazione cartina alla mano, sotto consiglio del concierge del nostro albergo ad Helsinki.

Ci dirigiamo al Municipio, puramente e semplicemente il simbolo della città vecchia. Si trova nel pieno centro della zona medievale, la sua costruzione fu iniziata nel XIII secolo ed ultimata esattamente nel 1404. E’ un esempio unico di Municipio in stile gotico in Europa. Il monumento domina la piazza principale, Raekoja Plats, che costituisce il polmone dell’attività turistica locale durante l’alta stagione. Ma attenzione attenzione: nella stessa piazza del municipio, ed esattamente al numero 11, vi troviamo la più antica farmacia d’Europa!

La Torre Kiek in de Kök di Tallinn

La Torre Kiek in de Kök di Tallinn

La Torre Kiek in de Kök di Tallinn

La nostra seconda visita si svolge invece alla torre Kiek in de Kök ed ai suoi stupendi passaggi sotterranei. Sembra che questi siti ci facciano ritornare indietro nel tempo, al punto che ci immedesimiamo nell’epoca dell’edificazione delle fortificazioni. La torre Kiek in de Kök fu costruita verso la fine del 1400, ha un diametro di 17.3 metri e le sue pareti sono spesse oltre 4 metri, caratteristiche che le hanno permesso di uscire illesa anche dopo numerose cannonate!

Il Castello di Toompea

Tallinn - Il Castello di Toompea

Tallinn – Il Castello di Toompea

La tappa successiva, sempre sotto consiglio degli autoctoni, è il castello di Toompea, edificio che oggi ospita il Parlamento estone. Il complesso comprende diverse sezioni: il muro ovest e la torre Pikk Hermann, che appartiene alla fortezza medievale. Gli edifici in stile classico dell’amministrazione risalgono al periodo zarista, mentre il Parlamento (nel cortile) fu costruito più recentemente, nel 1920.

Si è fatta ora quasi ora di cena (eh si… tra un giro e l’altro abbiamo anche dimenticato di pranzare!) e ci fermiamo in un ristorantino che ha dei tavoli all’aperto. Il posto è delizioso ed il cibo è… rinvigorente! Prendiamo del tipico gulasch con una sorta di polenta deliziosa! Assolutamente da provare!

Ora ci tocca trovare un ostello, ma non è complicato. Dopo 15 minuti e 3 tentativi abbiamo la nostra stanza in centro! Ci dicono che questa è alta stagione, ma altrimenti trovare dove dormire anche all’ultimo minuto non è mai un problema!

La cattedrale di Aleksandr Nevskij

La cattedrale di Aleksandr Nevskij

La cattedrale di Aleksandr Nevskij

Il giorno seguente ci dirigiamo verso la cattedrale di Aleksandr Nevskij, ortodossa e costruita nel 1900, quando l’Estonia era ancora dominata dall’impero dello Zar russo.

La Cattedrale si trova di fronte al Parlamento e fu edificata in onore del Principe di Novgorod, Alexander Yaroslavich Nevsky, che condusse abilmente la Battaglia del Ghiaccio del lago Peipsi nel 1242 e respinse l’avanzata dei Teutoni verso est. La cattedrale di Aleksandr Nevskij è ricca di mosaici ed icone, davvero imperdibile!

Per restare in tema religioso, io e Mabel visitiamo anche la Chiesa di Sant’Olav. Immaginate che per oltre 75 anni (tra il 1500 ed il 1600) questo è stato l’edificio più alto del mondo e fungeva da sostegno visivo per le navi che si approcciavano a Tallinn. Io e Mabel vi saliamo fino in cima e riusciamo a vedere la città a 360°.

Mangiare a Tallinn

Si fa ora di pranzo ma Mabel non vuole saperne di mangiare, è troppo presa dalla città e quindi decidiamo di prendere qualcosa al volo… ma alla fine ci ritroviamo a fare una delle esperienze più tipiche del viaggio!

Ci fermiamo in una taverna al cui ingresso ci incuriosiscono i camerieri, con abiti medievali. Diamo uno sguardo nel locale in cui ci invitano ad entrare e… oh mio Dio! Ma è una vera e propria taverna medievale, e si mangia in autentiche scodelle di legno, con cucchiai di legno e pietanze dell’epoca.

Aspettiamo una buona mezz’ora poiché i posti a sedere sono davvero limitati… ma l’attesa viene ampiamente ricompensata! Coscia di tacchino alla griglia con contorno di zuppa di patate… questo è quello che scegliamo, ma notiamo che il menu offre poche alternative (questo a volte è buon segno in un ristorante, perché potrebbe indicare che ci si concentri sulla qualità e non sulla quantità di piatti offerti ai clienti).

Tallinn - Le Tre Sorelle

Tallinn – Le Tre Sorelle

Ormai sazi, continuiamo la visita urbana e ci soffermiamo ad ammirare (dall’esterno) le Tre Sorelle, un edificio del XIV secolo che serviva come abitazione dei mercanti e che oggi è stato trasformato in un hotel, a due passi dalla chiesa di Sant’Olav.

Da qui riprendiamo la via Pikk, che all’epoca costituiva l’arteria principale della città medievale, quella che conduceva al mare. E infatti è li che siamo diretti: sul nostro cammino troviamo un edificio che originariamente serviva da protezione per la città, il Paks Margareeta (“la Grande Margherita”), con un accesso di 25 metri di diametro, 20 metri di altezza e mura spesse oltre 5 metri! Oltre a fornire protezione, era anche utilizzato come arsenale, prigione e da qualche decade è stato trasformato in museo marittimo. Non saliamo sul suo tetto, ma ci dicono che da lassù si gode di una vista meravigliosa sul porto, la baia ed il borgo antico.

Siamo giunti quasi all’imbrunire e decidiamo di fare il nostro passaggio nell’affascinante viuzza di Santa Caterina, Katariina käik. Trattasi di un passaggio che congiunge le vie Vene Müürivahe, restaurata nel 1995 e ricco di edifici del XV-XVII secolo. Io e Mabel siamo d’accordo nel dire che questo sia il punto più medievale della città.

Tallinn - Piazza della Libertà

Tallinn – Piazza della Libertà

L’ultima visita prima di riprendere il nostro ferry serale la facciamo in Piazza della Libertà, una grande piazza pedonale dominata da una serie di edifici che commemorano la cruciale guerra dell’indipendenza, che ebbe luogo tra il 1918 ed il 1920.

Alla fine di questi due giorni intensi siamo davvero stremati. Non ci siamo fermati un attimo e abbiamo imparato tantissimo non soltanto della cultura estone, ma anche delle sue tradizioni culinarie!

Scheda articolo
Catturati da Tallinn: breve viaggio nella capitale dell'Estonia
Nome dell'articolo
Catturati da Tallinn: breve viaggio nella capitale dell'Estonia
Descrizione
Questa esperienza di viaggio a Tallinn - la capitale dell'Estonia - mi sta molto a cuore, perché Tallinn merita una grande attenzione da un punto di vista storico ed architettonico
Autore
Publisher Name
3onTrip
Publisher Logo