Frankfurt am Main, altresì nota come Francoforte sul Meno rappresenta per molti viaggiatori la porta d’ingresso in Europa, anche se c’è molto di più da vedere del suo aeroporto internazionale (il terzo del continente).

Francoforte sul meno è la capitale finanziaria della Germania, e grazie ai suoi grattacieli ed al suo fiume Meno viene anche denominata Main-Hattan. Di sicuro una delle città più multietniche e culturali, tuttavia non possiede la storia ed il fascino di Berlino o Amburgo.

Francoforte sul Meno

Francoforte sul Meno

Francoforte sul Meno fu distrutta quasi interamente dai bombardamenti degli alleati durante la seconda guerra mondiale, tuttavia il suo centro storico è stato completamente ricostruito in maniera identica rispetto all’originale ed è assolutamente da vedere.

Se parliamo di arte e spettacolo, nonché di attività e di architettura, Francoforte risalta tra le prime città tedesche, anche per rapporto qualità/prezzo.

Dopo questa breve introduzione, veniamo a noi! Come mai io, Fabio e Silvio, compagni di avventure/sventure di dottorato, decidiamo di visitare proprio Francoforte sul Meno?

Francoforte sul Meno: una destinazione low-cost

Quasi “sembra brutto” ammetterlo, ma siamo in cerca di cheap deals all’estero e la nostra scelta sulla città ci viene dettata meramente da una questione economica. Non potrò mai scordare il prezzo di questo weekend, uno dei più economici della mia vita: volo diretto A/R da Pescara con la Hamburg Airways più ostello in stanza tripla con colazione per due notti e tre giorni per un totale di €79/persona. Insomma, sfido chiunque a non cogliere al volo l’occasione, fosse anche per la più scarsa delle province d’Italia!

OK, si compra il biglietto e si decolla. E a questo punto la prima sorpresa: sull’aereo ci siamo solo noi tre, due hostess, i due piloti convenzionali ed un’altra coppia di passeggeri. Mi rendo conto che una cosa del genere non mi sia mai capitata prima… questo però è un vantaggio poiché veniamo trattati da pascià!

Dopo il trasferimento con il pullman/navetta dall’aeroporto alla città (circa un’ora e un quarto) riceviamo la seconda sorpresa: Francoforte sul Meno è stupenda già a prima vista! Ci da subito l’impressione di essere una moderna e raggiante città europea, con edifici nuovi e antichi che coesistono in perfetta armonia, ma ci offre anche un’accoglienza di sicuro diversa dai cliché tedeschi a cui siamo abituati!

Cosa vedere a Francoforte sul Meno

Main Tower

La Main Tower di Francoforte sul Meno

La Main Tower di Francoforte sul Meno

Posiamo i bagagli e cominciamo la nostra visita. Unica nota negativa è che stamattina piove, ma partiamo comunque dalla Main Tower, la visita più panoramica della città, a circa 200 metri di altezza e al costo di €6.50 a persona. Questo è il solo grattacielo visitabile di Francoforte aperto al pubblico.

Römerberg

Römerberg

Römerberg

Il ponte Eiserner Steg di Francoforte sul Meno

Il ponte Eiserner Steg di Francoforte sul Meno

La nostra visita continua al Römerberg (“monte dei Romani”), ossia il centro storico della città, dove si trova anche il municipio, istituito nel lontano 1405. La piazza storica che lo ospita, contorniata da abitazioni di legno colorate ed arricchita al centro dalla fontana della Giustizia, serviva da luogo di scambio per i primi commerci nel 13° secolo. Non lontano abbiamo il ponte Eiserner Steg tramite il quale si attraversa il Meno e si prosegue per una passeggiata sulla riva del fiume.

Il quartiere Sachsenhausen

E’ ora il momento di una pausa: decidiamo di fermarci in una delle taverne da sidro nel quartiere Sachsenhausen, non distante dalla celebre Frankensteiner Platz. Ci propongono la bevanda locale di Francoforte, ossia l’Apfelwein (o Ebbelwoi): un sidro con una leggera gradazione alcolica prodotto nella zona immediatamente al di fuori della città. In questo quartiere ci sono le più antiche taverne da sidro della città e ci dicono che di sera sono parecchio movimentate!

Goethe-Haus

Si è fatto tardo pomeriggio e decidiamo di aggiungere un pizzico di cultura al viaggio. Visitiamo la casa di Johann Wolfgang von Goethe (Goethe-Haus), che è tra i più noti scrittori tedeschi. Questa abitazione fu distrutta durante la seconda guerra mondiale, ma fu successivamente restaurata con i mobili originali, i dipinti ed i libri della famiglia Goethe. E’ qui che l’autore compose: “I dolori del giovane Werther”.

Museum für Moderne Kunst

Il giorno seguente partiamo con il museo di arte moderna e contemporanea (Museum für Moderne Kunst), celebre per la sua collezione di arte ad opera di Lichtenstein, Beuys, Warhol, e Richter, ma anche per la sua architettura audace. Il biglietto di ingresso è tutto sommato proporzionato a ciò che offre: €12 a persona.

Paulskirche – Chiesa di San Paolo

Francoforte sul Meno - Paulskirche, Chiesa di San Paolo

Francoforte sul Meno – Paulskirche, Chiesa di San Paolo

Da lì, non molto distante, capitiamo quasi per caso alla chiesa di San Paolo (Paulskirche), costruita dal 1789 al 1833. La particolarità di questa chiesa è che veniva utilizzata per incontri politici e divenne sede del primo parlamento tedesco liberamente eletto nel 1848. Oggigiorno la chiesa si usa prevalentemente per mostre ed eventi.

Kaiserdom St. Bartholomäus – Cattedrale di San Bartolomeo

Kaiserdom St. Bartholomäus - Cattedrale di San Bartolomeo

Kaiserdom St. Bartholomäus – Cattedrale di San Bartolomeo

Sempre per restare in tema religioso, decidiamo di andare a visitare la Cattedrale di San Bartolomeo (Kaiserdom St. Bartholomäus), l’edificio più grande della città. Le elezioni e successivi incoronamenti degli imperatori a partire da dopo la metà del 1500 ebbero luogo qui.

Cibo, divertimenti e vita notturna a Francoforte sul Meno

Pranzo alla terrazza de la Zeilgalerie

Si fa ora di pranzo e decidiamo di andare a mangiare un boccone… che in realtà si tramuta in uno stinco di maiale con patate, tipico qui in Germania! Ci fermiamo sulla terrazza de la Zeilgalerie, un luogo che ci consente di godere di una vista panoramica superba della città, nello specifico dall’ultimo piano dello Zeil, un centro commerciale facciamo un po’ di shopping!

I club più noti di Francoforte

Giungiamo così alla seconda sera e ne approfittiamo per provare la vita notturna francofortese! Ritorniamo quindi nel quartiere Sachsenhausen per una birra e poi ci suggeriscono di visitare alcuni club molto noti da queste parti, quali il Gibson, l’Odeon e lo Skyclub, il cui genere musicale spesso varia a seconda della serata. Tra questi preferiamo lo Skyclub per la musica e l’ampia scelta di cocktail.

Natura e zoo a Francoforte sul Meno

Lo zoo di Francoforte

Lo zoo di Francoforte

Lo zoo di Francoforte

La mattina seguente andiamo allo zoo, situato un po’ fuori dal centro. Davvero una bella sorpresa anche qui per una visita di oltre 2 ore: una considerevole varietà di animali ad un prezzo più che accessibile (€10/persona).

Palmengarten – Il giardino botanico

Palmengarten, il giardino botanico di Francoforte

Palmengarten, il giardino botanico di Francoforte

Sempre per restare in tema naturale, andiamo infine a visitare il Palmengarten, ossia il giardino botanico di Francoforte. E’ un vero e proprio viaggio attraverso la savana africana, le piante esotiche delle foreste tropicali ed i giardini europei in fiore. Questo giardino contiene più di 6.000 specie botaniche diverse in circa 200.000 metri quadrati di superficie e vale davvero la pena di essere visitato. Subito dopo ci spostiamo al Grüneburgpark, un parco pubblico molto carino.

Concludiamo così il nostro bel weekendino, davvero soddisfatti sotto tutti i punti di vista!

Scheda articolo
Cosa vedere a Francoforte sul Meno, la porta d’ingresso in Europa
Nome dell'articolo
Cosa vedere a Francoforte sul Meno, la porta d’ingresso in Europa
Descrizione
Un bel weekend in Germania: scommetto che stai cercando notizie su cosa vedere a Francoforte sul Meno. Sei nel posto giusto: scopri cosa vedere a Francoforte!
Autore
Publisher Name
3onTrip
Publisher Logo